07 giugno 2007

txt: Esame di coscienza

Dialogo fra me e la mia coscienza circa l'allenamento culturale di questo mio ultimo periodo (3 - 4 anni):

coscienza: "Abry, da quant'è che non leggi un libro...!?"
abry: "...???..."
coscienza: "Dai, rispondi..."
abry: "Ma ti sembrano domande da prima serata?"
coscienza: "Mmm... no, ma un momento vale l'altro visto che mi rispondi male in qualsiasi orario. Allora...??"
abry: "...senti, ho altro da pensare."
coscienza: "Ah sì? ...sarebbe?"
abry: "Uff... okey!"

[...]

abry: "...scusa, ma..."
coscienza: "Sto aspettando."
abry: "Sì... già... ma qual'era la domanda?"
coscienza: "...non fare lo scemo!"
abry: "......"
coscienza: "...non posso crederci... ti sei dimenticato! Cristo, Abry!! è 'na domanda fatta zero-punto-tre secondi fa!!"
abry: "...e che ci devo fare!"

[...]

abry: "Allora, c...zo! Gentilmente me la puoi ripetere?"
coscienza:

abry: "Cos'è... ti metti a fare dell'altro?!?"
coscienza:

abry: "Ehi, stavi parlando con me, sai? Vuoi degnarti almeno di ascoltare la mia risposta?"
coscienza: "...sentiamo."
abry: "..."

[...]

coscienza: "Allora, ti sei dimenticato la risposta?"
abry: "Ti avevo chiesto di ripetermi la domanda."
coscienza: "@&*:"$^... libri!!!"
abry: "...libri?"
coscienza: "I libri, Abry!!! Quand'è stata l'ultima stramaledetta volta che hai preso in mano un libro???"

[...]

coscienza: "Cazzo, non mi dire che..."
abry: "Ricordo benissimo la domanda, non sono deficiente!!!"
coscienza: "...certo. Non dubitavo."
abry: "Solo che..."
coscienza: "Che c'è, arrossisci anche?"
abry: "...mi vergogno."
coscienza: "Perchè, cos'era, un Harmony?"
abry: "...deficiente!"
coscienza: "Embeh?"
abry: "Il fatto è che non era un mattone da 700 pagine!"
coscienza: "Non è che la voglia di cultura ora debba per forza richiedere un suicidio! Va bene anche un libro leggero... non ti preoccupare. Allora, cos'è?"
abry: "Non amo molto i best seller..."
coscienza: "Si, ho capito... stiamo facendo notte."
abry; "Era un bel libro, l'ho letto tutto d'un fiato..."
coscienza: "Il titolo, Abry. Il titolo!"
abry: "Non me lo ricordo."
coscienza: "Ci risiamo. Di cosa parla, almeno mi sai dire questo?"
abry: "Economia e attualità. E' ambientato in queste zone."
coscienza: "Ehi, ti stai buttando sul culturale per davvero!"
abry: "Eh eh. Grazie!"
coscienza: "Era molto palloso?"
abry: "Beh, un pò... troppe cifre..."
coscienza: "L'hai finito almeno?"
abry: "Si, era un tascabile..."
coscienza: "Ah ecco, iniziavo a preoccuparmi per te, amico.
Ma quante pagine?"

abry: "Mm... non saprei."
coscienza: "Tascabile hai detto! Molto tascabile?"
abry: "Tascabilissimo... direi piegabile."
coscienza: "Come sarebbe piegabile?"
abry: "Uno scontrino."

4 Comments:

At 7.6.07, Blogger Manfry ha detto...

hahahah Abry!!
Uno scontrino non è un libro!!!

Ma da dove spuntano fuori questi dialoghi?? :P
ciaooo

 
At 7.6.07, Blogger BigLuck ha detto...

Hahaha... grande :D

 
At 9.6.07, Blogger Abramo '84 ha detto...

Mi sento scemo un bel po'.

 
At 9.6.07, Blogger Giorgia ha detto...

oddio, se questa l'hai scritta tu, tanto di cappello :D :D :D (ho letto il tuo commento con annesso brano musicale, grazie...)

 

Posta un commento

<< Home