23 maggio 2007

txt: Accetta il Consiglio

Tratto da "The Big Kahuna" (film, 2000)
regia di J. Swanbeck

"Goditi potere e bellezza della tua gioventù. Non ci pensare. Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite. Ma credimi tra vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto. E in un modo che non puoi immaginare adesso. Quante possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico avevi! Non eri per niente grasso come ti sembrava. Non preoccuparti del futuro. Oppure preoccupati, ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un'equazione algebrica. I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non t'erano mai passate per la mente. Di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.
Fa' una cosa, ogni giorno che sei spaventato: Canta. Non esser crudele col cuore degli altri. Non tollerare la gente che è crudele col tuo. Lavati i denti. Non perder tempo con l'invidia. A volte sei in testa. A volte resti indietro. La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso. Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti. Se ci riesci veramente dimmi come si fa. Conserva tutte le vecchie lettere d'amore, butta i vecchi estratti conto. Rilassati. Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita. Le persone più interessanti che conosco, a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita. I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno. Prendi molto calcio. Sii gentile con le tue ginocchia, quando saranno partite ti mancheranno. Forse ti sposerai o forse no. Forse avrai figli o forse no. Forse divorzierai a quarant'anni. Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio. Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso, ma non rimproverarti neanche. Le tue scelte sono scommesse. Come quelle di chiunque altro. Goditi il tuo corpo. Usalo in tutti i modi che puoi. Senza paura e senza temere quel che pensa la gente. E' il più grande strumento che potrai mai avere. Balla. Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno. Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai. Non leggere le riviste di bellezza. Ti faranno solo sentire orrendo. Cerca di conoscere i tuoi genitori. Non puoi sapere quando se ne andranno per sempre. Tratta bene i tuoi fratelli. Sono il migliore legame con il passato e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro. Renditi conto che gli amici vanno e vengono. Ma alcuni, i più preziosi, rimarranno. Datti da fare per colmare le distanze geografiche e di stili di vita, perché più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane. Vivi a New York per un po', ma lasciala prima che ti indurisca. Vivi anche in California per un po', ma lasciala prima che ti rammollisca. Non fare pasticci coi capelli, se no quando avrai quarant'anni sembreranno di un ottantacinquenne. Sii cauto nell'accettare consigli, mal sii paziente con chi li dispensa. I consigli sono una forma di nostalgia. Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga.
Ma accetta il consiglio... per questa volta."

10 Comments:

At 24.5.07, Blogger saku ha detto...

...i capelli!
Pensate, avere ancora a quarant'anni i capelli... Anche se sembrassero quelli di un'ottantacinquenne, IO CI FAREI LA FIRMA! :-)) :-))

 
At 24.5.07, Blogger Abramo '84 ha detto...

Vecio, come dice un mio collega, hai il cervello troppo grande... li ha spinti tutti fuori...

 
At 16.7.07, Anonymous =Elena= ha detto...

Pensieri scorrono nella mia mente,
difficile comprendere la loro natura..
Parole innondano i miei ricordi,
impossibile capire la loro scrittura..
Solo tracce di un mondo lontano
che conoscere ormai è invano..

 
At 26.7.07, Blogger Abramo '84 ha detto...

...pensieri che scorrono
facendoti guardare in una direzione.
...ricordi che inevitabilmente
partoriscono altri punti di vista...
La vera traccia è il tempo.
che ti mette su una nuvola
e con un nuovo punto di vista...

ciao Elena.

 
At 29.7.07, Anonymous Elena ha detto...

...una nuvola che mete ormai non ha più,
dispersa in un cielo immenso e distaccato,
circondate da altre nubi ma nello stesso tempo..sola.
...una piccola nuvola che non conosce il vero senso della pioggia o del sole,
ma si accontenta di rimanere con gli occhi chiusi..



Ciao Abry
..per paura di aprirli

 
At 26.8.07, Blogger Abry84 ha detto...

La nuvola non potrà che aprire gli occhi un giorno...
quando sentirà di scontrarsi con un altra nube.

...uno scontro dapprima così imprevisto e duro,
un movimento terribile dentro di lei, e nell'altra.

...ma poi sarà una danza delicata
le disegnerà entrambe nuovamente,
e... in un tutt'uno.

E' il momento di aprire gli occhi...

 
At 1.9.07, Anonymous Elena ha detto...

essa vorrebbe farlo con tutto il cuore ma qualcosa glielo impedisce..una forza maggiore schiaccia le sue piccole palpebre quel tanto da lasciar passare solo un barlume di luce soffice...
troppe volte ha affrontato le tenebre e troppe volte è ricaduca nell'oscurità
Chi potrà mai aiutarla a credere in se stessa e ad accompagnarla verso l'uscita di questo tunnel...?

 
At 12.9.07, Blogger Abry84 ha detto...

Che cos'è un tunnel se non un tratto con un ingresso ed una sicura uscita? Come si può pensare che un tunnel non porti da nessuna parte?
C'è chi entra nel tunnel e sente la paura insediarsi nel cuore. La paura di chi volge lo sguardo verso l'alto, poi si gira alla sua destra, poi a sinistra, poi si guarda i piedi... vedendo solamente quella spessa e fredda parete di solitudine... e quella paura di guardare di fronte a se, dove c'è quel piccolo punto bianco... minuscolo e troppo lontano per mettersi a inseguirlo...

L'orizzonte lo puoi seguire... ma resterà sempre lontano... all'orizzonte... per quanto tu possa correre. L'uscita di un tunnel non può che aspettarti... è li e vuole essere oltrepassata.

Ma devi camminare... con i piedi della tua volontà... e se ti sposti anzichè restare ferma a guardare quelle umide pareti nelle tenebre ti capiterà di incontrare chi ti si unirà a te e camminerà al tuo stesso passo...

Di fronte a te sarà un cerchio sempre più grande e il tuo occhio non vedrà che bianco, un forte ed accecante bianco... i colori del mondo li fuori nasceranno solo quando gli occhi si abitueranno alla luce... e troverai pioggia e sole, e ne capirai il senso! Ma solo fuori da quell'uscita.

Non credo tu possa sottrarti a questa sicurezza.

E' davvero una forza maggiore? Non ti lascia davvero aprire gli occhi? Davvero sei così ostinata a credere che le tue forze non ti avvicinino al punto d'uscita?

Elena, forse è mancanza di stima in te stessa... un bacio allo specchio, un eco che ti ripete ciò che poco prima tu hai urlato? "6 BellissimaaAAAaaa..." :-)

Sii fiera di ciò che sei; della tua immaginazione, della tua profondità d'animo... già queste sono indiscutibili e non fanno altro che avvicinarti...

E non ti preoccupare di ricadere in esperienze passate. L'oscurità non ti può più far del male se conosci la direzione da seguire.

Cara Elena, non so perchè ti scrivo così, sicuramente però credo a ciò che scrivo... forse sono troppo giovane per potermi permettere certe sicurezze. Ma lo sono, perchè Dio le mette davanti. Sempre. Asciugati gli occhi quando sono gonfi ed umidi altrimenti quel punto li ti sembrerà sfocato e lontano. E non lo è.

Un abbraccio.
Abry

 
At 20.9.07, Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao Grandepuffo...ti fai sempre riconoscere cn la tua saggezza!! ehh.. potresti fare il psicologo secondo me aiuteresti molte persone!! posso prendere un appuntamento anchio? sn affetta da una eccessiva empatia giotrata male! mi puoi aiutare? intimissima

 
At 20.9.07, Blogger Abry84 ha detto...

Buonasera Intimissima,
mannaggia a te... parli ti empatia... quindi potresti anche rubarmi il posto come psicologo! ;-P

Che lesa che sei!

Giostrata male dici? Si è vero. Con me la giostri davvero male: perchè so che mi capisci sempre, a volte anche quando non parlo, però alla fine "giostri" sempre male la situazione e alla fine ci incazziamo... non ci si guarda sul muso per un po'... ma poi uno dei due cede, e si ritorna a parlarne... è sempre così con te!

Grazie ancora della visita dell'altra sera sai.
Ci si vede al più presto.

Bacione e buona serata.
Abry

ps.: Grandepuffo mi piace

 

Posta un commento

<< Home